Chiacchiere e tabacchiere

Di |2019-01-09T19:02:43+00:00giovedì, 29 gennaio 2015|cucina tradizionale, dolci|0 Commenti

Sono molto contenta perché la percentuale di cibo che compro dalla grande distribuzione (bio, eh) è sempre più piccola rispetto a quello che acquisto *direttamente* dai piccoli produttori. E sto diventando una specie di calamita per questi ultimi, si vede che la legge di attrazione funziona, ciò che desideri arriva a te!!
chiacchiere di farina integrale
Tipo una settimana fa sono arrivate le casse di arance, limoni e mandarini dei pasionari, ieri ho ricevuto olio e salsette da Vianova e stamattina sono passati i Lupos a portarci un po' di maiale felice.

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.

 

Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato in passato sul sito è semplicemente Nome e Cognome), e la password che ti abbiamo inviato via mail con la tessera.
Se selezioni l'opzione Ricordati di me dovrai farlo solo la prima volta.

 

Sei già socio? Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)

Nessun commento

  1. Slicing Potatoes 29 Gennaio 2015 alle 14:51

    Che voglia di bugie (da noi si chiaman cosi’) mi hai fatto venire… Sottoscrivo in pieno il pensiero sulle farine, anche perché, come già detto, ma se abbiamo decine di farine diverse a disposizione, ma perché usarne sempre una sola?! Ma che noia…

  2. Andrea Pacini 29 Gennaio 2015 alle 15:32

    “ma se abbiamo decine di farine diverse a disposizione, ”
    In teoria. Ma la grande distribuzione tende, chissà perché, alla 00. Di tutte le marche possibili e immaginabili, purché 00

  3. Antonella 29 Gennaio 2015 alle 15:39

    la maiorca ce l’ho, i limoni e le uova bio pure…. non resta che sperimentare! ^_^

  4. izn 29 Gennaio 2015 alle 15:51

    @Andrea Pacini: ci stiamo lavorando :-)

  5. Andrea Pacini 29 Gennaio 2015 alle 17:03

    @izn
    Anche di buona lena a quanto ho visto ;-)

  6. izn 29 Gennaio 2015 alle 17:14

    @Andrea Pacini: Beh, ci abbiamo fondato un’associazione non profit, per dare alla gente un’alternativa concreta alla grande distribuzione e portarla direttamente dai piccoli produttori, per diffondere la consapevolezza alimentare, per comunicare le vere eccellenze del nostro paese…
    Anche Ammuìna è un’opportunità che diamo alle piccole realtà virtuose di poter avere uno strumento di vendita online, praticamente a costo zero :-)

  7. Slicing Potatoes 29 Gennaio 2015 alle 20:25

    @Andrea Pacini: scusa, hai ragione, dimentico che la maggior parte dei lettori vivono in Italia, dove c’e’ la predominanza assoluta della farina 00 e le altre che si trovano sono comunque per la maggior parte di grano. Altrove ti posso assicurare che la situazione e’ ben diversa e non posso che augurarmi che anche in Italia presto si possano trovare farine di tanti altri cereali e non solo!

  8. Andrea Pacini 29 Gennaio 2015 alle 20:41

    izn e Slicing Potatoes s
    Infatti, avevo trovato Ammuina seguendo il link della farina usata nella ricetta. Hanno l’aria di essere buone scelte.
    Purtroppo la farina cattiva scaccia quella buona…
    In realtà non ho niente contro la 00. Solo mi pare vagamente assurda. Ma è solo la mia opinione. E sarà senz’altro adatta.

  9. Francesca 30 Gennaio 2015 alle 18:07

    Limone a parte… La ricetta è uguale a quella della mia mamma + zia + nonne e tutto il parentado, anche se non sono Sarde! Vengono buonissime, confermo, e mi precipito a recuperare le uova perché il Carnvale incombe :)

  10. aleale 2 Febbraio 2015 alle 13:37

    Non ho ancora provato a fare le frappe (eh sì, da noi si chiamano così!) [anche perché non son sicura di riuscire a friggere in maniera consapevole… sono un po’ bloccata!!!] ma confermo che la Maiorca è spettacolosa. Izn, se posso, perché preferisci il semintegrale all’integrale? Per i fitati? Scusa l’invadenza ( :-)!)

  11. izn 3 Febbraio 2015 alle 08:55

    @aleale: sì, per i fitati (prima o poi ci riuscirò a scrivere quel famoso articolo) e perché tendo alla gastrite (gruppo 0, quindi succhi gastrici potentissimi!) e alla colite quindi l’integrale mi dà bruciore di stomaco e altre cose poco simpatiche :-)

  12. salamander 4 Febbraio 2015 alle 14:10

    ciao! ottime :-))
    quanto strutto?

  13. izn 4 Febbraio 2015 alle 14:18

    @salamander: a seconda di quale padella userai! Tieni conto che deve essere abbastanza perché le chiacchiere siano immerse; se la frittura viene fatta bene di solito non c’è bisogno di cambiarlo, ma ricorda di non aggiungere strutto fresco a quello già fritto, nel caso butta (nella solita bottiglia da portare ai centri di raccolta) e ricomincia :-)

  14. Loretta 18 Febbraio 2015 alle 13:15

    Ebbene, queste frappe sono davvero buone!!! La cosa che mi piace di più è che sono ultrasottili… una meraviglia :-)

  15. Rosella 19 Febbraio 2015 alle 17:46

    Come sempre a Carnevale si abbonda in fritti…di solito preparo i krapfen (bomboloni) il giovedì grasso e i crostoli il martedì. Questa volta ho voluto provare le tue chiacchiere: sono venute buonissime, belle asciutte e, soprattutto della quantità giusta per durare poco (ehm, quaresima, ingrasso,..?)

Scrivi un commento

Questo sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione, grazie a loro possiamo conteggiare le visite in modo anonimo, ma non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su "OK. Accetto i cookie" per proseguire, oppure approfondisci cliccando qui. Ok