Spaghetti spezzati con crema di patate

Di |2008-10-27T14:25:56+00:00lunedì, 27 ottobre 2008|pasta e riso|0 Commenti

Questa è una ricetta che mi ha insegnato la mia mamma quando ero un’infante; in seguito ho scoperto che la bioterapia nutrizionale, con la quale mi sono curata per alcuni anni, la usa per combattere l’insonnia.
pasta e patate napoletana
Cuocere la pasta direttamente nel sugo è una pratica molto diffusa nel sud italia. Questo procedimento viene chiamato “risottare”. Anche per questa ricetta ricetta ho usato il kamut, ma potete sostituirlo tranquillamente con qualsiasi tipo di pasta che regga bene la cottura, o anche con il riso.

L’unica difficoltà di questo modo di preparare la pasta è indovinare la giusta quantità d’acqua (non troppa, non troppo poca) da aggiungere alle patate; nel dubbio meglio metterne meno e aggiungerla a poco a poco.

Qui potete trovare un po’ di letteratura sulle patate ogm. Disinformazione.it spesso usa dei toni apocalittici, ma tra un’articolo e l’altro si trovano cose interessanti.

Ingredienti:
100 grammi di spaghetti di kamut bianco
100 grammi di patate
olio extravergine di oliva
uno spicchio d’aglio
4 cucchiai di parmigiano reggiano
due manciate di prezzemolo tritato
un peperoncino rosso secco
sale e pepe q.b.

Pelate le patate e tagliatele a cubetti piccolissimi.
Versate l’olio in una padella d’acciaio di media grandezza insieme allo spicchio d’aglio schiacciato. Lasciate scaldare la padella a fuoco bassissimo fino a quando l’aglio non sarà bello dorato e croccante.
A questo punto gettate l’aglio e versate i cubetti di patate nell’olio. Mescolate con un cucchiaio di legno per staccare le patate che tenderanno ad attaccarsi al fondo della padella.
Lasciatele cuocere per una decina di minuti fino a quando non saranno un po’ sfatte. A questo punto alzate la fiamma e versate nella padella acqua bollente fino a coprire le patate per un centimetro circa; lasciate cuocere ancora dieci minuti.
Spezzate gli spaghetti, versateli direttamente nella padella con le patate e mescolate bene. Se l’acqua si asciuga troppo aggiungetene un po’, se è troppa alzate la fiamma per farla asciugare più in fretta. Le patate devono disfarsi e diventare cremose; la pasta ci metterà un po’ a cuocere, assaggiate per sincerarvi della cottura e aggiustate di sale.
Un minuto prima che la pasta sia cotta aggiungete il prezzemolo tritato e tutto il parmigiano. Servite subito spolverando con un po’ di peperoncino a pezzetti e pepe macinato di fresco.

Nessun commento

  1. Jennifer 15 novembre 2009 alle 14:01

    Mmmmm…e questa come mi e’ sfuggita?!?!stasera la provo di certo!!!!!

  2. Jennifer 15 novembre 2009 alle 19:45

    Una bombaaaaaaaaaa!!!!!Davvero da leccarsi i baffi!Provatela tutteeeee!

  3. izn 16 novembre 2009 alle 16:54

    @jennifer: sì è una cosa pazzesca nella sua semplicità… mi sa che è passata un po’ sottogamba perché è una delle primissime ricette che ho postato, una di quelle comparse sul sito di Francescav, a questo indirizzo, quando tenevo lì la rubrica di cucina consapevole, grazie alla quale ho poi deciso di far partire il pasto nudo (a proposito, grazie ancora Francesca per la tua lungimiranza… se non mi avessi convinta tu…)
    Comunque se dovessi dire a qualcuno di provare una delle ricette del pasto nudo gli consiglierei sicuramente questa, perché è veramente uno spettacolo. Ah. le ricette della mamma…

  4. claudia 16 novembre 2009 alle 20:57

    Ma sai che questa é – credo – la prima ricetta che ho provato? È per questo che sono ancora qui che sfrucuglio tra le ricette di izn!
    PS. saró blasfema, forse, ma una volta ho usato la zucca, al posto delle patate (io non amo la zucca, se non in zuppa o crema), e devo dire che non é affatto male (senza prezzemolo e peperoncino, peró, ma con un odore di rosmarino o maggiorana…sí, ho capito, é un´altra ricetta, ma l´idea di cuocerci la pasta dentro é la stessa…). Pensa che io la pasta risottata l´ho imparata dalla mia amica Mariangela, ai 2000 metri del passo Pordoi…altro che sud!!!

  5. Jennifer 16 novembre 2009 alle 21:15

    Io la zucca non la amo granche’,ma mi ha fatto voglia la tua ricetta…mi sa che……!

  6. Jennifer 31 gennaio 2010 alle 12:42

    …alla fine non ho provato la ricetta con la zucca,come diceva Claudia…xo’ oggi ho bissato con patate e pasta…mmm…!!!!

  7. dora mantovani 16 luglio 2011 alle 09:45

    ODDIO MA QUESTO E’ UN SOGNO!!!
    ADORO LE PATATE(ANCHE CRUDE)
    :)

  8. eviKE 26 ottobre 2011 alle 23:21

    io l’ho appena testata ed è molto buona, al posto degli spaghetti ho utilizzato le tagliatelle, credo sia una pasta ottima per riscaldare.

  9. elenalugo 22 dicembre 2011 alle 17:20

    Ciao! Li ho preparati ieri sera! Una CANNONATA! Corroborante, morbido ed appagante. Sono stati motivo di grandi lodi! Era la prima volta che leggevo le tue ricette ed ho provato con slancio! Bravissima!

  10. Valeria 19 marzo 2016 alle 13:32

    fatta oggi… buonerrima… intramontabile!

  11. bruno 27 gennaio 2018 alle 18:39

    se si cuoce la zucca con lo stesso procedimento consiglio di aggiungere gorgonzola e pecorino

Scrivi un commento

Questo sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione, grazie a loro possiamo conteggiare le visite in modo anonimo, ma non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su "OK. Accetto i cookie" per proseguire, oppure approfondisci cliccando qui. Ok