Latte di miglio

Di |2019-01-08T17:25:05+00:00venerdì, 18 luglio 2014|bevande, infusi e tisane, cose di base|0 Commenti

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.

 

Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato in passato sul sito è semplicemente Nome e Cognome), e la password che ti abbiamo inviato via mail con la tessera.
Se selezioni l'opzione Ricordati di me dovrai farlo solo la prima volta.

 

Sei già socio? Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)

Nessun commento

  1. Martina 18 Luglio 2014 alle 15:48

    Questo è già il secondo rimasuglio di miglio che mi fai fruttare in modo eccelso!
    Ma volevo chiederti due cose: la prima è più o meno quanto latte ti viene con queste dosi e quanto si conserva in frigo (circa 3 gg? ). E poi ti volevo chiedere spiegazioni sull’ultimo passaggio … che sono un po’ esaurita e non ho capito. Cioè se lo metti in frigo si raddensa talmente tanto da avere forma solida tipo budino? Quindi per intenderci appena fatto ha una consistenza molto più densa rispetto ad altri latti vegetali, tipo quello alle mandorle.
    Ad ogni modo geniale e fonte di grandi idee come sempre :)

  2. Simo 18 Luglio 2014 alle 15:49

    Non poteva avere pubblicità migliore!!!! :-)

  3. Marta 18 Luglio 2014 alle 15:51

    tu mi hai spiato nella dispensa :-) quel sacchettino aperto è proprio lì che aspetta !

  4. Anna Maria 18 Luglio 2014 alle 16:36

    Si può fare un latte piuttosto buono anche con i fiocchi di avena, il procedimento differisce solo nella cottura, usando i fiocchi è molto breve.

  5. Nicoletta 18 Luglio 2014 alle 16:52

    Ciao carissime, anche il latte di avena è stra-buonissimo. L’ho imparato quando ero in venezuela e colombia. Io metto a bagno l’avena a freddo, per dodici ore, poi la passo al colino e ci metto dell’altra acqua fino a quando il latte risulta ancora corposo e gustoso. Una delizia!!! In più ha ottime qualità antinfiammatorie e rappacificanti.
    Un sorriso e un abbraccio,
    Nicoletta

  6. Stefano 19 Luglio 2014 alle 09:21

    Interessantissimo, ma – per favore! – non chiamatelo latte!

  7. claudia 26 Luglio 2014 alle 11:40

    Adoro il miglio, come cibo e pure come imbottitura di cuscini e bambolotti :-)
    Ho appena infornato due teglie di “migliaccio del pastonudo” (il mio dolce preferito in assoluto, specialmente quando lo cioccolatizzo con dei pezzettini di cioccolato fondentissimo o lo mandorlizzo con mandorle tritate grosse) ed un giorno provero’ di sicuro anche a berlo!
    Io lo chiamerei “acqua di miglio”. Cosi’ e’ contento anche Stefano :-)

  8. letizia 31 Luglio 2014 alle 13:49

    @Stefano…. allora neanche il latte di cocco dovremmo chiamarlo latte… Latti Animali e Latti vegetali. Non ci sono altri modi per definizione….

  9. Rossella 21 Agosto 2014 alle 12:24

    Con il miglio rimasto si può usarlo per fare delle polpettine? Ciao!

  10. scorpio 2 Gennaio 2015 alle 09:20

    E’ perfetto per me che sono vegana e voglio eliminare la soia perché troppo ricca di estrogeni e fitati provero’ a farlo

  11. Tiziana 15 Ottobre 2016 alle 10:38

    Davvero geniale…..ti sono grata….è buonissimo

  12. laura 24 Novembre 2016 alle 13:53

    Ciao volevo chiederti se posso utilizzare l’estrattore

  13. Cristina 7 Marzo 2017 alle 11:58

    Nn conoscevo questa pagina mi piace molto ciao

Scrivi un commento

Questo sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione, grazie a loro possiamo conteggiare le visite in modo anonimo, ma non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su "OK. Accetto i cookie" per proseguire, oppure approfondisci cliccando qui. Ok