Qualcosa per digerire

Di |2019-01-08T16:46:22+00:00venerdì, 25 dicembre 2009|cibo che cura|0 Commenti

Buon natale a tutti voi, di vero cuore :-) Mi sono resa conto in questi giorni che questo per me è un natale speciale, perché è il primo del pasto nudo, e attraverso questo squarcio nell'etere posso condividere l'energia positiva che permea questi giorni con tutti voi, amplificandola esponenzialmente.
rimedi naturali per digerire
È incredibile come, quando si dà tanta energia ad un progetto, quella forza ti ritorni indietro ingigantita e migliorata. Ieri pomeriggio, in attesa della cena, che per noi è stata molto semplice, ho fatto un bel giro tra i blog di cucina che amo e ho trovato tantissimi piatti appetitosi e suggerimenti e ricette e biscotti e auguri, e un'atmosfera festosa e colorata.

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.

 

Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato in passato sul sito è semplicemente Nome e Cognome), e la password che ti abbiamo inviato via mail con la tessera.
Se selezioni l'opzione Ricordati di me dovrai farlo solo la prima volta.

 

Sei già socio? Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)

Nessun commento

  1. Jennifer 25 Dicembre 2009 alle 16:18

    …E brava izn…la tua provvidenziale lampadina capita a fagiuolo!Ieri sera cenone tra pochi intimi(ovviam.,ahime’,non bio…sob…)..anche se non e’ stata molto “devastante”,ha lasciato qlc strascico…ma il dramma e’ che questa sera mi tocca il cenone luculliano dal quale tornero’ di certo sfigurata…Mi sa che quel certo non so che’ che ieri mi ha fatto far scorta di limoni era proprio la tua bio-lampadina!!!Ahahahahahahahahahaha!Grazie…come sempre ;-)!

  2. izn 26 Dicembre 2009 alle 13:11

    @jennifer:pensa che quando io rimango senza limoni comincio ad andare nel panico! Per fortuna ho nel patio la mia pianta personale che si chiama Turiddu (Turi per gli amici) che li sforna in 4 stagioni. Però quest’anno poverina ha avuto solo cinque o sei limoncini, sigh… mi sa che devo fare qualcosa per il mio pollice verde… propositi per il nuovo anno!

  3. Jennifer 26 Dicembre 2009 alle 13:32

    @izn:stavo pensando pure io di acquistarne una,ma non sono certa di riuscire a preservarla dal mio…hem…pollice verso!Ahahahahah!!!E’ una pianta delicata?Cmq,tornando alla ns digestione,stanotte all’una,al rientro dal superpranzone(non bio,ma sicuramente di ottima qualita’),mi son sbaffata un bel canarinuccio caldo e mi sono schiaffata a letto con la borsa dell’acqua calda sulla pancia!stamane nn ero appesantita come ieri mattina!L’unica inevitabile e spregevole sensazione e’ quella della lingua..come dire?…felpatta!!!!Oggi colazione con fettina di pane nero ai semi e marmellata di prugne,pranzo con minestrina antibatterica e verdura cruda!!!!Sono anche felice xche’ ho scoperto di aver ben due market Naturasi’ nei pressi del mio paese..entro i 20km!!!!

  4. Sandra Firenze 26 Dicembre 2009 alle 19:29

    Ode al limone!..diciamo che è il *primo farmaco* che ho conosciuto in vita mia. Mia mamma curava i mal di pancia e di stomaco di mio fratello e miei, dovuti ad eccessi di *schifezze*, come lei definiva dolcetti e caramelle, con il mezzo limone bollito nell’acqua. Per anno ho pensato che fosse solo una vecchia credenza popolare, poi, quando anni dopo me lo sono sentito riproporre dal mio medico per curare una *indigesto-congestione*, mi son dovuta ricredere. Secondo mia mamma, i limoni in una casa non dovevano mai mancare, per questo anch’io mi ero comprata una bellissima pianta. Purtroppo non ha resistito al caldo torrido di questa estate..qualche raggio malefico o malato del sole di agosto me lo ha letteralmente bruciato.
    Per quanto riguarda la Coca-cola (pregasi leggere alla fiorentina: hoha hola), sapevi che prima di diventare la famosa bevanda era nata proprio come sciroppo digestivo? Ora spiegami meglio l’uso dei noccioli di ciliegia, visto che dopo aver snocciolato 10 chili di ciliegie per fare marmellata questa estate, ho messo via un bel sacchettino di noccioli, dovutamente lavati eh, si intende. Per ora li sto usando come cuscino per la cervicale, ma come si fa per lo stomaco?
    Interessante la tisana con l’alloro, visto che ne ho una rigogliosissima siepe in giardino.

  5. fra 26 Dicembre 2009 alle 20:37

    ma che bel regalo izn! qui non si è fatto grandi bagordi ma questi consigli sono sempre utili!!!!
    Ti aururo buone e splendide feste :)
    bacioni
    fra

  6. claudia 26 Dicembre 2009 alle 20:43

    Anch´io, tramandando la tradizione materna, quando ci sono difficoltá digestive spremo mezzo limone e lo scaldo: come si dice da noi, o ti metti a posto o vomiti (e poi ti metti a posto). Eh eh…ah, la terra dove fioriscono i limoni (citazione da tedesca ;-))
    Per la coca-cola…che dire…sará che io non riesco piú a berla, perché per me (che ho quasi eliminato lo zucchero bianco) é decisamente troppo dolce, sciropposa. Perché, attenzione, non é piú la coca- cola di una volta. Che non ha zucchero, ma (pare) venga usato sciroppo di glucosio concentrato, da mais (transgenico). (Dico “pare” perché non so come sia la situazione, in Italia. Parlo per la Germania e per quasi tutti gli stati dove si produce Coca-Cola). L´ormai famigerato HFCS (High Fructose Corn Syrup), di cui tanto ha scritto Pollan, nel suo “Dilemma dell´onnivoro”.
    Gli USA producono troppo mais (e troppa soia), grazie alla valanga di sovvenzioni governative. E, siccome lo stomaco umano non é infinito, cercano di “rifilarcelo” in tutte le forme possibili, dopo averlo scomposto in tutte le sue parti. Negli ultimi anni c´é questo sciroppo di fruttosio/glucosio praticamente ovunque. Leggete gli ingredienti di qualsiasi prodotto confezionato, preso a caso da uno scaffale del supermercato. Credo anche in Italia, ´che le grandi multinazionali sono poi le stesse. Ovetti, merendine, pane (!), biscotti… basta cercare e se c´é scritto “sciroppo di glucosio”, o “glucosio”, é lui.
    Non si muore, per caritá (niente panico né terrorismo, solo tranquilla informazione).
    C´é anche nei prodotti biologici. Come dice Pollan: “…ma se lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio nella vostra bibita é prodotto in modo sostenibile, per il vostro metabolismo dell´insulina non cambia nulla”.
    Per il nostro organismo é come un´iniezione di zucchero concentrata, e…ecco…o ci rinunciamo o sperariamo che il nostro corpo si adatti anche a questo. Intanto, a forza di “infiltrazioni”, uno su tre dei nati nel 2000 negli USA (e anche in Germania, che i dati italiani non li ho), avrá la certezza di diventare diabetico nell´arco della sua vita. Ma certo…per l´industria alimentare é piú lucroso toglierlo o inventarsi tutte le nuove linee di prodotti “per diabetici”? (Come quelle per celiaci…) . Io, intanto, siccome mi fido piú della tradizione, in fatto di cibo, che delle migliaia di studi che oggi dicono bianco e domani nero, preferisco astenermi….e continuare con i limoni!!!
    Scusate la lunghezza, ma ho appena finito il secondo libro di Pollan, e sono sempre piú decisa che sia necessario divulgare quello che molti non ritengono necessario farci sapere ;-))

  7. soniuccia68 26 Dicembre 2009 alle 22:42

    Carissima,
    anche io ho i miei due limoni che mi salvano sempre quando rimango senza….però devo dire che la COCACOLA che non compro mai al momento giusto agisce tipo sturalavandini….in un attimo digerisci di tutto, anche i sassi.
    BUONA DIGESTIONE A TUTTI!!!!

  8. Loretta 27 Dicembre 2009 alle 11:29

    Ciao tesoro,
    come al solito scrivi un sacco di cose utilissime ed anche affascinanti :-)
    Tantissimi auguri a voi e anche alla sorella di zac… a lei va il mio pensiero di aspirante portatrice di bimbi :-)
    Un grandissimo abbraccio

  9. astrofiammante 27 Dicembre 2009 alle 14:53

    questi consigli li conoscevo, ma pensavo fossero mie paturnie….l’acqua calda da bere con il limone è quella che funziona al meglio e la coca cola quando avevo i figli piccoli e gli prendeva vomito e mal di pancia gliela davo con il cucchiaino poco per volta per fargliela rimanere nello stomaco….non conoscevo invece la bevanda di alloro e avevo dimenticato il canarin…hai fatto un bellissimo post anche stavolta, auguroni e baci!

  10. giovanna 27 Dicembre 2009 alle 17:18

    Be’, la cosa ha il suo interesse, anche se la mia digestione, a dire il vero, funziona persino troppo bene :-)
    Tantissimi auguri, buon anno, e a presto!

  11. claudia 27 Dicembre 2009 alle 18:58

    Izn…nell´agitazione dello sciroppo di glucosio concentrato mi sono dimenticata di dirti che questo post é bellissimo! E, soprattutto, GIALLO!!! Evviva!!

  12. izn 27 Dicembre 2009 alle 23:55

    @claudia: e se la coca cola provassimo a farcela da soli? non so se per la bioterapia sarebbe la stessa cosa, ma almeno sapremmo per sicuro cosa c’è dentro :-) E poi basta provarla una volta per sapere se fa effetto, noi siamo empirici, no? C’è scritto anche nel manifesto del pasto nudo :-)
    L’unico piccolissimo problema è l’agghiacciante spesa iniziale che bisognerebbe sostenere in olii essenziali, uff… ah, te l’ho detto che da naturasì hanno la coca cola bio? però zac dice che non le somiglia un gran che :-(

  13. chiara.u 28 Dicembre 2009 alle 00:50

    auguri!! e grazie come al solito per i consigli preziosissimi! (uhm, dovrò andare a vedere come sono le “patate fritte come sapete”!! me lo sono perso!)
    infiniti auguri per un nuovo Anno frizzante… naturalmente!
    Chiara.

  14. ilAria 30 Dicembre 2009 alle 12:08

    Ma ciao! Auguri anche a tutte/i voi!
    Questo blog mi riconcilia col mondo, non c’è che dire, soprattutto con questo post utilissimo visto il mio stomaco/intestino non proprio efficientissimi. In casa mia “l’acquaealloro”, antica tradizione siciliana della mia mamma trapanese, ha salvato in più di una circostanza ripetute visite alla toilette in caso di movimento opposto al naturale del cibo (sono stata abbastanza elegante?), per non parlare del semplice mal di pancia o della digestione lenta. Il canarino è meno usato ma negli anni, vista la necessità di “paraflu” dei miei organi preposti alla digestione, è stato annoverato nei metodi salvapancia. E non finirò mai di gioire di fronte a un bicchiere di semplicissima acqua calda, che è una specie di miracolo per come risolva l’impossibile.
    Grazie per come siete. Vi auguro uno splendido 2010, ci risentiamo presto.
    ilAria
    ps: Claudia, mi sto informando su dei libri di cromoterapia validi, nel senso che prima vorrei darci un occhio per non consigliarti scemenze, solo che ultimamente sono stata un po’ impegnata. Cercherò di rimediare con l’anno nuovo :)

  15. Kika 28 Dicembre 2010 alle 10:50

    ho scoperto il tuo blog solo ora, scrivi cose davvero interessanti, comincerò a gironzolare da queste parti.
    Ciao Kika

  16. Marlen 4 Settembre 2011 alle 13:59

    Grazie per i suggerimenti, si sono rivelati preziosi!

  17. sonya 16 Settembre 2012 alle 05:14

    Grazie per il tuo suggerimento, mi sono svegliata dal mal di stomaco e bruciore costante… così mi sono messa alla ricerca di qualche suggerimento, tipo “rimedi della nonna”. Non avendo niente in casa tranne il limone, digitando quest’ultimo sul pc, mi ha portato a te e al tuo suggerimento prezioso… devo dire che nel giro di pochi minuti sto molto meglio… Rinnovo il ringraziamento e spero di rimettermi a dormire, ho tanto sonno!!! Notte Sonya!

Scrivi un commento

Questo sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione, grazie a loro possiamo conteggiare le visite in modo anonimo, ma non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su "OK. Accetto i cookie" per proseguire, oppure approfondisci cliccando qui. Ok