Castagne ballotte speziate

Di |2019-01-09T19:07:07+00:00mercoledì, 18 novembre 2015|colazione, cucina tradizionale, dolci|0 Commenti

Castagne ne abbiamo? Schieriamole in campo allora, che non sempre uno sa cosa farci e quando sono quelle buone tendono a rovinarsi molto velocemente. Sì sì, oggi ricetta, semplice, veloce, tradizionale e buonissima, prendetela al volo che tra rubriche, negozio online e fiera non so più dove girare la testa :-P
castagne ballotte speziate
Sulla fiera vi aggiornerò tra pochissimo; per il momento sappiate che *si fa!* (il 12 e 13 dicembre), che vi aspetteranno a Roma nord fattorie, artigiani e botteghe ammuinate (cioè che fanno Ammuìna), che ci sarà cibo da strada preparato con i prodotti degli ammuinati, e che io sarò molto emozionata e felice. Voi prenotate due belle giornate di sole, che ci saranno molto utili (ma tanto pure se dovesse piovere i banchi saranno al coperto, tiè!) :-)

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.

 

Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato in passato sul sito è semplicemente Nome e Cognome), e la password che ti abbiamo inviato via mail con la tessera.
Se selezioni l'opzione Ricordati di me dovrai farlo solo la prima volta.

 

Sei già socio? Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)

Nessun commento

  1. Ptpasqui 18 Novembre 2015 alle 15:55

    Quelle bollite con alloro sbucciate sono le castagne “allesse” (buonissime) che preparava la mia nonna (grande cuoca). I “palluotti” che in infanzia ricordo di aver visto raramente, essendo più ricetta “paesana”, erano cotte in modo analogo ma ancora in buccia invece… non mi entusiasmavano e quindi non ricordo il sapore.
    Quelle incise, “‘ntaccate” in napoletano, cotte sul fuoco nella padella bucata (si è vero la cucina si fa una chiavica) coperte dalla carta del pane bagnata, o in forno previo bagno, sono le caldarroste.
    Una nota di colore: dopo cotte mia nonna, e anche mia madre ancora adesso, chiudeva le caldarroste in un canovaccio pulito e le teneva in caldo sotto il cuscino della poltrona o il materasso; a fine pasto, quando giungeva il loro momento erano ancora roventi!

Scrivi un commento

Questo sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione, grazie a loro possiamo conteggiare le visite in modo anonimo, ma non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su "OK. Accetto i cookie" per proseguire, oppure approfondisci cliccando qui. Ok