Acqua di cipolla

Di |2019-01-08T16:56:11+00:00venerdì, 11 maggio 2012|cibo che cura|0 Commenti

Detriti. Ieri stavo leggendo qui una notizia che non poteva non entrare nella mia mente malata, dove ha trovato la porta spalancata e una stanza apposta per lei, con tanto di servizio di bed & breakfast (bio).

Un'enorme massa di relitti (lunga tipo 3700 chilometri e larga 1800 o_O), macchine distrutte, pezzi di case, mobili, barche, derivanti dal terribile terremoto dell'anno scorso in Giappone, si sta spostando nell'Oceano Pacifico verso gli Stati Uniti, come una gigantesca terrificante isola postindustriale portata alla deriva dal mare.

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.

 

Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato in passato sul sito è semplicemente Nome e Cognome), e la password che ti abbiamo inviato via mail con la tessera.
Se selezioni l'opzione Ricordati di me dovrai farlo solo la prima volta.

 

Sei già socio? Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)

Nessun commento

  1. virginia 11 Maggio 2012 alle 13:54

    «pietrificare le emozioni». bellissimo, linguisticamente parlando. grazie per l’utilissimo post. al solito. V

  2. roberta cobrizo 11 Maggio 2012 alle 14:38

    Sonia cara, se può servirti ti aggiungo anche questa: per prendersi cura dei reni fanno molto bene anche gli azuki (in qualsiasi preparazione -purchè non zuccherata-, ma anche solo in decotto).
    Non ne servono tanti (anche solo due cucchiate al giorno) ma ci vuole un po’ di costanza.
    Abbasso il dolore! :-D

  3. claudia 12 Maggio 2012 alle 21:26

    questa la devo dire a mio padre, che di sicuro la beve (con le sue cipolle rosse dell´orto!)
    PS: per dare sollievo al meridiano del rene, secondo la medicina cinese, si consigliano massaggi sulla zona lombare, con olio di iperico. Si massaggia fino a sviluppare calore, immediatamente prima di andare a dormire (meglio ancora se si copre la zona lombare con una canottiera di lana di quelle vecchie, che aiuta a mantenere il calore, e previene anche possibili macchie date dall´olio rosso). Aiuta il meridiano del rene e quello della vescica, e assicura un sonno profondo. Io l´ho provato, soprattutto in inverno e col freddo umido, e devo dire che su di me funziona benissimo. :-)

  4. claudia 12 Maggio 2012 alle 21:41

    Non conosco il sito in questione, ma ribadisce gli effetti dell´olio di iperico per uso esterno a proposito di reni (e paure connesse: il meridiano dei reni é proprio quello delle paure… e degli emigranti! (l´uso interno della pianta ha molte controindicazioni: é una di quelle piante da non autoprescriversi, per capirci ;-))
    E, comunque, alla fine del Cinquecento, si diceva che “cacciava fuori le pietre delle reni”…

  5. izn 12 Maggio 2012 alle 23:45

    @virginia: grazie a te, perché sai di cosa parlo. So che non dovrei rallegrarmene, ma è strano, sapere che ci sono altri che soffrono quello che soffri te lenisce un po’ il dolore :-)
    @roberta cobrizo: Grazie cara!!! Tenterò anche questa, che grazie al cielo i rimedi naturali sono cumulabili :-)
    @claudia: ahahahahaahah non posso credere che tu abbia citato proprio *quel* sito! Non so come tu l’abbia trovato, ma marcella saponaro è appunto la mia ginecologa :-D
    Grazie per la dritta dell’olio di iperico, ce l’ho e mi sa che lo provo subito. Anche se in realtà stasera ci sono temperature estive e il panno di lana sui reni non mi attrae molto. In compenso adoro il profumo dell’iperico (chissà perché!) :-)

  6. cristiana 14 Maggio 2012 alle 08:23

    mi pare un po disgustoso ma ci tengo a provare, stasera quindi cipolla al macero…..

  7. camilla 14 Maggio 2012 alle 14:16

    IZN, scusa l’off topic. SOS etichetta! Sono ormai fissata anche io e ora che sono tornata in Italia più che mai. Domanda: dove devono essere scritti i codici delle uova? Sai che hanno dei numeri per dire se le galline sono allevate a terra, all’aperto, alimentate con cibi bio ecc. Nella confezione che ho acquistato ultimamente (certificata bio) c’era la legenda dei codici ma non il codice di quelle particolari uova lì. Il venditore mi ha assicurato che il codice si deve trovare sul singolo uovo. Confermi? Grazie, ciao!

  8. sara b 15 Maggio 2012 alle 12:09

    ahpperò, interessante questa. sull’isolone di schifezze galleggianti invece purtroppo già sapevo :( e ti dirò di più: quella robaccia si va ad aggiungere ad un altro isolone che già esisteva nel pacifico. se il mondo dovesse mai andare a rotoli sarà per colpa nostra, ne sono sicura. e ora vado a leggermi il post sul philadelphia… baci! :)
    ah! dimenticavo: magari già lo sai ma c’è un contest molto bello sull’alimentazione anticancro: ho appena scritto un post a riguardo, sennò comunque trovi tutto da stelladisale.
    ribaci :)

Scrivi un commento

Questo sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione, grazie a loro possiamo conteggiare le visite in modo anonimo, ma non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su "OK. Accetto i cookie" per proseguire, oppure approfondisci cliccando qui. Ok