Alzi la mano chi è nato attorno agli anni '70 e da bambino non si è mai aggirato furtivamente attorno al frigo approfittando di un momento di distrazione del genitore di turno, ha prelevato il tubone di latte condensato, lo ha aperto e se lo è spremuto direttamente in bocca, cercando di schiacciare meno possibile l'involucro di metallo, per non lasciare indizi.

latte condensato

A casa mia questo faceva il paio con il foglio di carta che facevo scivolare sotto le porte per farci cadere la chiave sopra e poi tirarla pianissimo sotto lo spiffero e impadronirmene.

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.

 

Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato in passato sul sito è semplicemente Nome e Cognome), e la password che ti abbiamo inviato via mail con la tessera.
Se selezioni l'opzione Ricordati di me dovrai farlo solo la prima volta.

 

Sei già socio? Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)