Latte di sesamo fatto in casa

Di |2019-01-08T18:52:10+00:00lunedì, 16 febbraio 2015|bevande, infusi e tisane, cose di base|0 Commenti

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.

 

Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato in passato sul sito è semplicemente Nome e Cognome), e la password che ti abbiamo inviato via mail con la tessera.
Se selezioni l'opzione Ricordati di me dovrai farlo solo la prima volta.

 

Sei già socio? Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)

Nessun commento

  1. Blue 17 Febbraio 2015 alle 12:59

    Wow!!! è da provare… non mancherò!! Non ci conosciamo… è da un pò che seguo il tuo blog…. e lo adoro!! Pieno di idee, spunti, riflessioni e voglia di condividere!!! Mi sa che avevi ragione tu con la storia di Shining perchè altrimenti non si spiega perchè proprio i semini di sesamo mi abbiano spinto a scrivere!! A cuore aperto ti devo (ti dò del tu se non ti spiace!) dire che nelle giornate tristi o ventose se riesco, tecnologia permettendo, faccio un salto qui e immancabilmente mi torna il buon umore!!!
    Magari l’ultimo post in se per sè non mi solletica la curiosità ma poi appena comincio a leggere dalle tue parole esce così tanto entusiasmo e voglia di provare che alla fine se farai il “latte di sassi” o lo proverò o comunque mi entusiasmerò!!! E le foto sono sempre così belle…
    Insomma grazie… mi faceva piacere lasciare un “segno”!!

  2. Diana 17 Febbraio 2015 alle 20:25

    Cosa in tendi per acqua pura? In bottiglia?
    Grazie!

  3. izn 18 Febbraio 2015 alle 10:48

    @Blue: Grazie per le tue bellissime parole, anche per me è lo stesso… quando mi sento un po’ scoraggiata passo a leggere i vostri commenti e mi si scalda il cuore!! Mi ha fatto morire il latte di sassi, quasi quasi lo provo a fare!! :-DDD
    @Diana: Diana, abbiamo parlato molto qui sul blog della purezza dell’acqua nella rubrica che si chiama “acqua chiara”, la trovi qui. Comunque qui a casa usiamo l’osmosi inversa (in mancanza di un ruscello di montagna, sigh), ma vanno bene anche acque in bottiglia (di vetro) a basso residuo fisso, senza nitrati, magari di alta montagna (nel caso abitassi, che so, in Alto Adige!) :-P

  4. Simo 1 Marzo 2015 alle 12:16

    Una precisazione: non Lo so se è buono nel caffè, però una volta dolcificato sa di latte e caffè!!! Former quando te l’ho raccontato ero preda degli ormoni pre parto e ho detto cose non sperimentate!!!!!

  5. Blue 6 Marzo 2015 alle 11:31

    Latte di sesamo fatto!!
    Buonoooo!!!E’ piaciuto molto anche al mio compagno! Una volta avevo provato a fare quello di nocciola…ed era anch’esso buono ma questo risulta molto più “lattoso” e vellutato in bocca….a dirla tutta poi non avrei mai detto che era di sesamo…a me ricorda il sapore delle mandorle acerbe…dove abito io sono una prelibatezza!!E si, alla lontana ricorda latte e caffè…buono! Grazie!
    Attendo ansiosa nuovi esperimenti!! ;)

  6. moni 12 Marzo 2015 alle 15:11

    Ciao, ho da poco partecipato ad un laboratorio sulla produzione dei latti vegetali, organizzato da MDF(movimento decrescita felice).
    In tutte le ricette che abbiamo sperimentato gli ingredienti erano acqua e semi, che poi si frullano, si filtra il tutto e voilà, il latte era fatto.Leggendo la tua ricetta, ti volevo chiedere: perché metti a bagno i semi e perché aggiungi il sale?
    grazie
    ciaone

  7. izn 12 Marzo 2015 alle 16:28

    @Moni: Ciao Moni, io faccio l’ammollo per via dei fitati, il discorso è un po’ lungo e complesso, sto cercando di trovare un po’ di tempo per scriverci un post! Il sale lo metto perché secondo me migliora molto il sapore; ne metto poco e di quello giusto (hai letto il famoso post della nostra Sabine riguardante il sale?). :-)

  8. moni 14 Marzo 2015 alle 19:20

    ho letto il discorso dei fitati in rete!è importante!informo anche quelli del MDF, mi dovessero diventare anemici :-) grazie! ora mi leggo del sale
    Ciao

Scrivi un commento

Questo sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione, grazie a loro possiamo conteggiare le visite in modo anonimo, ma non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su "OK. Accetto i cookie" per proseguire, oppure approfondisci cliccando qui. Ok