Sono un filo in ritardo, ma neanche tanto, ché il maiale bisognerebbe mangiarlo da dicembre a fine febbraio, ovverossia subito dopo la macellazione, ma i vari insaccati e lo strutto sono fatti proprio per il periodo pasquale, fatto salvo qualche salame da consumare nelle stagioni successive, dai primi freddi in poi.

Anche la mitica Claudia a suo tempo ce ne parlò con quello stile sciolto e colto che solo lei sa imbastire; sta di fatto che quasi tutti gli impasti pasquali della tradizione napoletana e del glorioso Regno delle due Sicilie in generale (ma anche molte preparazioni di tutta la nostra penisola in generale, vedi piadine, erbazzoni, seadas e via dicendo) prevedono l'uso dello strutto; ad esempio il famoso casatiello o anche la pastiera (quella che vi ho linkato la feci con il burro, ma prima di quanto crediate ne apparirà un'altra in questo non-luogo, parte di un progetto troppo carino di cui vi parlerò, datemi solo qualche giorno),

Se vuoi continuare a leggere questo articolo, assòciati al pasto nudo.

Con un piccolo contributo avrai libero accesso a tutti i contenuti del blog, tantissimi sconti dai nostri produttori e sul nostro negozio online, dove puoi acquistare cibo sano e manufatti artigianali al giusto prezzo per te e per chi li produce, e aiuterai il pasto nudo a crescere e a pubblicare contenuti di qualità.

 

Se sei già socio, effettua il login con il tuo nome utente (se non ti eri già registrato in passato sul sito è semplicemente Nome e Cognome), e la password che ti abbiamo inviato via mail con la tessera.
Se selezioni l'opzione Ricordati di me dovrai farlo solo la prima volta.

 

Sei già socio? Vai al Login

Se non riesci a fare il login, puoi trovare tutte le informazioni necessarie in questa pagina, oppure puoi mandarci una mail ;-)